Hi-Reliability: qualità, elevata affidabilità dei componenti, bassi costi di manutenzione

​Il nuovo STRALIS è prodotto nello stabilimento di Madrid, secondo la metodologia World Class Manufacturing (WCM), introdotta da alcuni anni nel sistema produttivo del Gruppo Fiat Industrial che ha scelto di adottare uno dei migliori standard di produzione a livello mondiale. Il WCM è un modello integrato che riguarda l’organizzazione della fabbrica nel suo complesso e che pone particolare attenzione alla gestione degli aspetti qualitativi, ambientali e all’eliminazione degli sprechi produttivi.

Il nuovo STRALIS è stato sviluppato valorizzando al massimo gli aspetti qualitativi del mezzo stesso. Durante il suo processo produttivo, le verifiche di qualità, infatti, sono incrementate del 40% rispetto alla versione precedente del veicolo. Le nuove funzionalità, i materiali utilizzati e i processi di sviluppo sono stati oggetto di severe verifiche di qualità, anche attraverso la creazione di flotte sperimentali, su cui sono stati effettuati numerosi test di affidabilità. Fra le prove svolte, sono stati percorsi 6 milioni di km in condizioni particolarmente critiche per verificare la resistenza del veicolo e 11 milioni di km di test di affidabilità, alcuni dei quali effettuati con i clienti, in normali condizioni di carico e di percorso.

Per mantenere nel tempo le caratteristiche eccellenti, la cabina del nuovo STRALIS viene trattata con un fondo di cataforesi ad alto spessore, i componenti dell’autotelaio sono protetti da trattamenti superficiali al vertice del mercato ed è disponibile come opzionale una protezione cerosa antiabrasiva per la parte bassa dello chassis.

Anche tutti i cambi hanno elevato livello di affidabilità e bassi costi di manutenzione. Il nuovo STRALIS offre la scelta tra tre tipi di cambio: manuale a 9 e 16 rapporti, automatizzato EUROTRONIC con leva integrata su devioguida e automatico a 6 rapporti. Tutti i cambi hanno elevato livello di affidabilità e bassi costi di manutenzione. I rapporti sono ottimizzati per aumentare la produttività e l’efficienza del veicolo. I cambi manuali offrono grande facilità di azionamento grazie al sistema di asservimento “servo-shift” e, a partire dai veicoli con motore Euro VI, al comando a singola H.

I cambi automatizzati EUROTRONIC ZF a 12 rapporti offrono, oltre al comfort, vantaggi rilevanti in termini di costi di esercizio: la logica automatica sceglie il rapporto ideale in base a principi di guida economica, protegge il cambio contro i fuorigiri, riduce l’usura della frizione e i consumi.
A richiesta i cambi manuali e automatizzati possono essere dotati del rallentatore idrodinamico INTARDER, che migliora l’efficacia della frenata e riduce il consumo del materiale di attrito dei freni.

Il cambio automatico Allison garantisce la massima efficacia della trasmissione del moto in caso di impieghi con frequenti “stop and go”, come la raccolta rifiuti o la distribuzione urbana. Il convertitore integrato è una frizione idraulica non soggetta a usura.

Le diverse tipologie di assi offerte dal nuovo STRALIS consentono di adattare perfettamente il veicolo alla mission del cliente. Gli assali anteriori hanno carichi massimi ammessi fino a 9 tonnellate. I ponti standard sono a semplice riduzione, con carichi massimi ammessi fino a 13 tonnellate. Sono disponibili anche bloccaggio del differenziale e ponti a doppia riduzione (centrale e ai mozzi). La scelta di rapporti al ponte da 2.64 a 5.29 garantisce l’impiego più efficiente del veicolo per ogni esigenza di lavoro e di percorso.

La gamma è completata dall’offerta di veicoli a tre o quattro assi fissi o sollevabili, rigidi o a sterzatura comandata, con ruote singole o gemellate. Il telaio è a longheroni, a doppio collo di bottiglia, con sezione a C in acciaio ad alto limite di snervamento. Lo spessore è di 6.7 o 7.7 mm in funzione del passo e della versione.

Lo STRALIS può essere equipaggiato con diversi sistemi di sospensioni: paraboliche, pneumatiche posteriori, pneumatiche integrali. Le sospensioni paraboliche hanno peso contenuto e offrono eccellente comfort di marcia in tutte le condizioni di carico. Le sospensioni pneumatiche dispongono del controllo automatico dell’assetto ECAS (Electronically-Controlled Air Suspension) per mantenere costante l’altezza del telaio durante la marcia e per regolarla nel corso delle operazioni di carico, scarico e aggancio del semirimorchio.