La spedizione di “Overland 12” si trova a Kampala, la capitale dell’Uganda.
Dopo avere trascorso 4 mesi nel continente nero si comincia ad avvicinarsi alla conclusione di questo lunghissimo viaggio che si è snodato attraverso 21 nazioni africane. Mancano solo due settimane al previsto arrivo in Egitto ma la carovana arancione ha ancora davanti a se molti chilometri e tre grandi paesi da attraversare: il Kenya, l’Etiopia e il Sudan.

Le ultime settimane sono state senza dubbio le più faticose dell’intera missione per gli uomini e i mezzi di Overland 12 a causa delle difficilissime condizioni del terreno nella foresta del Congo che li hanno messi a dura prova. Fango e acquitrini hanno rallentato l’avanzamento della spedizione. Tra gli innumerevoli impantanamenti il peggiore ha visto come protagonista uno dei “ musoni” che sprofondando nel terreno argilloso si è inclinato su un lato di 45° gradi e solo dopo 17 ore di duro lavoro il team è riuscito a liberare il camion dalla morsa del fango. Gli uomini si sono sostenuti a vicenda per superare giornate interminabili e sfiancanti, con le riserve di cibo e di acqua che cominciavano a scarseggiare, ingegnandosi per trovare soluzioni vincenti per uscire da situazioni che si potrebbe definire davvero impossibili.

Dal Congo la spedizione ha raggiunto Bujumbura, la capitale del Burundi, dove è avvenuto il quarto e ultimo cambio di autisti. La spedizione ha avuto un giorno a disposizione per effettuare le consuete consegne dei camion e degli incarichi prima di riprendere la strada per dirigersi verso il Ruanda.
Dopo una bellissima giornata di viaggio su una buona strada, circondata da paesaggi mozzafiato, la spedizione ha trascorso la notte in una piccola località ruandese. L’indomani, il team ha deciso di dividersi per permettere al Daily, accompagnato dal Trakker, di recarsi immediatamente in Uganda, presso il dealer IVECO CMC di Kampala che ha prontamente prestato assistenza al veicolo rimasto danneggiato durante l’attraversamento della foresta. Il resto della spedizione è partita verso ovest per il lago Kiwu per poi raggiungere Kampala qualche giorno più tardi.
Mentre i mezzi IVECO rimanevano presso la concessionaria per essere sottoposti ai necessari interventi di controllo, il team è stato ricevuto dall’ambasciatore italiano.

Dopo questa sosta, “Overland 12” si sta dirigendo verso nord: il tempo stringe, la voglia di raggiungere l’obiettivo si fa ogni giorno più forte e gli uomini incitano i mezzi a dare il loro meglio, in un legame tra l’uomo e la macchina che é diventato indissolubile, quasi affettivo, perchè è grazie ai mezzi Iveco che il team tornerà a casa.
Web Part Error: A Web Part or Web Form Control on this Page cannot be displayed or imported. The type could not be found or it is not registered as safe. Correlation ID: 536c359e-59d3-8089-73e1-abc21935b67f.