Comunicati Stampa

Iveco, nuovi prodotti per nuovi clienti

Iveco, produttore full-range leader in Italia, nel corso degli ultimi due anni ha completamente rinnovato la propria gamma prodotto. Dal nuovo Daily, veicolo leggero per eccellenza, lanciato nel 2006 e completato l’anno successivo con la presentazione del Daily CNG e del Daily 4x4, al pesante stradale Stralis e al Trakker destinato al settore cava-cantiere, presentati nel 2007, al nuovo Eurocargo che ha visto il suo debutto nel 2008 per il segmento stradale e off-road. Sempre nel 2008 Iveco ha introdotto sul mercato il Massif, fuoristrada leggero di nuova concezione, che nella versione trasporto persone ha portato alla ribalta la nuova Campagnola.
Sicurezza, rispetto dell’ambiente e redditività sono i punti cardine delle scelte strategiche che hanno guidato questa grande offensiva di prodotto ed eccezionale performance progettuale e di valorizzazione del Brand Iveco.
Per un costruttore puntare sulla versatilità e completezza dell’offerta costituisce una sfida che impone ingenti investimenti sia in termini progettuali sia produttivi.
Un impegno che punta all’ottimizzazione della già ampia gamma, ampliando l’offerta a fronte delle esigenze espresse dal mercato. Veicoli che puntano a massimizzare la produttività per l’autotrasportatore grazie alla flessibilità delle soluzioni tecniche e che propongono Iveco come protagonista in nuovi settori merceologici.
 
DAILY: IL LEADER DEI VEICOLI COMMERCIALI LEGGERI

Dall’artigiano al flottista della distribuzione, il Daily è il veicolo commerciale leggero che più di ogni altro offre soluzioni adatte a ogni esigenza di trasporto e di lavoro.
L’ampio ventaglio di soluzioni consente di trovare il mezzo ideale per ogni singolo allestimento, andando a coprire tutte le varie esigenze e sfruttando le innumerevoli possibilità di dotazione del veicolo.
Sono più di 20 mila le versioni offerte da Iveco e questo spiega perché in Italia nessun veicolo di questo segmento ha venduto tanto quanto il Daily: 600 mila unità, che diventano più di 2 milioni nel mondo.
I furgoni hanno volumi di carico da 7 a 17 metri cubi, massa totale a terra da 3,3 a 6,5 t, motori da 100 a 180 CV. I cabinati hanno la stessa driveline e massa totale a terra con portate da 14 a 42 quintali.
Il Daily CNG è in assoluto il veicolo in pronta consegna più rispettoso dell’ambiente, mentre il Daily 4x4 è la soluzione ideale per gli impieghi off-road.

NOVITÀ: DAILY MINICAB E DAILY MIDICAB
RUOTA SINGOLA PER NUOVI SETTORI MERCEOLOGICI

L’offerta Daily si amplia ulteriormente e, dopo il successo delle serie MiniVan e MidiVan, la stessa tipologia di proposta si estende ai cabinati 29L e 35S che possono così presentarsi al mercato con un’offerta semplificata e un rapporto qualità/prezzo assolutamente competitivo.
I Daily MiniCab e MidiCab sono cabinati agili e robusti, ideali per molte categorie di artigiani, professionisti della distribuzione e per le imprese edili alla ricerca di partner affidabili e redditizi.
Come già realizzato con successo con i Daily MiniVan e MidiVan, l’obiettivo dei nuovi modelli è quello di raggiungere ulteriori settori merceologici attraverso un’offerta semplificata che, riducendo le personalizzazioni, punta a standardizzare i contenuti in base al valore percepito.
Trasferire al cliente i vantaggi in termini di controvalore con un veicolo che si fa apprezzare per la sua maneggevolezza, semplicità di guida, affidabilità e prestazioni. Un campione di flessibilità che consente anche un nuovo approccio commerciale al mercato.
I Daily MiniCab e MidiCab, entrambi a ruota singola, si possono condurre con patente B e si propongono prevalentemente per l’allestimento con cassone fisso o con box di lega leggera.
Si tratta quindi di veicoli estremamente flessibili, ideali per imprese edili e varie categorie di artigiani, in particolare quelli che operano all’interno dei centri storici per lavori di ristrutturazione e manutenzione degli immobili e hanno la necessità di disporre di un veicolo dalle dimensioni contenute, robusto e autorizzato ad accedere anche nelle zone a traffico limitato. Allestiti con box di lega leggera, i due nuovi Daily sono invece la soluzione ideale per gli operatori della distribuzione urbana.
L’obiettivo è quello di offrire un cabinato con un eccezionale rapporto prezzo/contenuti e una particolare attenzione all’ambiente, rispondendo così a una reale esigenza dei clienti, che vogliono contenere i costi senza rinunciare alla robustezza, alla durata e al valore di un Daily.
Con questo eccezionale posizionamento, chi deve cambiare veicolo ha l’opportunità di passare a un Daily MiniCab o MidiCab nuovo con due vantaggi: abbattere i costi di gestione grazie all’offerta, alla tenuta del prezzo nel tempo e alle sue ottime performance; ridurre in modo significativo le emissioni di CO2 e di sostanze inquinanti.
Il Daily MiniCab presenta un’offerta semplificata che si basa su due motorizzazioni con tre diverse opzioni di accessoristica.
Esteriormente tutte sono caratterizzate dal logo MiniCab.
L’offerta di prodotto si concentra quindi sui modelli 29L10, 29L12 e 29L14 con due passi di 3000 e 3450 mm. Per il cambio si può scegliere tra il manuale a cinque marce e l’automatizzato Agile a sei. È anche disponibile, per i modelli 29L12 e 29L14, la sospensione pneumatica.
Per quanto riguarda le motorizzazioni, le versioni proposte montano i motori quattro cilindri a quattro valvole per cilindro a iniezione diretta di 2300 CC da 100 CV e 120 CV, in versione Euro 4 con dispositivo EGR e la possibilità di montare, come optional, il filtro antiparticolato, che consente la circolazione anche nei giorni di blocco del traffico.
Sulla base del modello 35S, il Daily MidiCab è proposto con una vasta offerta declinata su quattro motorizzazioni (2.3 litri da 96, 116 e 136 CV e 3.0 litri da 176 CV), tre soluzioni di passo (3000 mm, 3450 mm e 3750 mm), cambi manuali a cinque e sei rapporti e cambio automatizzato Agile.
Per le versioni .12, .14 e .18 è disponibile la sospensione pneumatica posteriore che consente di abbassare il piano di carico.
Il Daily MidiCab è la soluzione ideale per ogni mission che richieda un veicolo maneggevole in città, ma adatto anche a impieghi più gravosi dove il carico utile è importante. Quindi non solo utilizzo urbano con alta densità di traffico e manovrabilità nei centri storici, ma anche un vero campione di produttività e versatilità.
Ogni versione del Daily MidiCab è altamente personalizzabile, ma si è deciso comunque di semplificare la vendita creando dei pacchetti opzionali. Esteriormente tutte sono caratterizzate dal logo MidiCab.
 
LE NOVITÀ DELLA GAMMA MEDIO-PESANTE

Stralis, Trakker ed Eurocargo. Declinata su tre gamme prodotto l’offerta del segmento medio-pesante di Iveco conferma la volontà del costruttore nazionale leader di mercato di proporre ai propri clienti veicoli all’avanguardia in grado di garantire reali vantaggi competitivi in tutte le più svariate applicazioni.
Un obiettivo raggiunto attraverso un ventaglio di modelli che rispondono a tutte le esigenze più specifiche del mondo del trasporto.
Un processo di ottimizzazione dell’offerta alla ricerca della massima produttività anche per le mission più specifiche. Con l’obiettivo di rispondere in maniera tempestiva ed efficiente a tutte le richieste del mercato.
Ne sono una conferma i modelli presentati recentemente, veicoli totalmente innovativi pensati proprio per offrire una soluzione a richieste di utilizzo particolare.
Si tratta di versioni di Stralis, Trakker ed Eurocargo che vanno a completare un’offerta già molto vasta e rispondono a delle specifiche domande del cliente finale, soprattutto in ambito nazionale.
Il nuovo Stralis AD/AT 480 per la prima volta abbina la cabina media e corta delle serie Active Day e Active Time con il motore FPT Cursor 13. È stato realizzato per quei clienti che, pur usando il veicolo prevalentemente su brevi e medi tragitti, necessitano di una maggiore potenza.
Lo Stralis SuperLight è stato pensato invece per chi utilizza semirimorchi cisternati, in particolare nel settore della distribuzione petrolifera, e ha l’esigenza di contenere al massimo la tara del veicolo per sfruttare in modo ottimale le nuove cisterne più capienti.
Lo Stralis AD320S45Y/PS a 4 assi stradale, presentato in anteprima allo scorso Transpotec, è pensato per la distribuzione di materiale edilizio, collettame ferroso e allestimento con cisterne per tutti i clienti che necessitano una grande portata.
Il Trakker AD/AT 400T41-45WT è il conosciuto trattore 4x4 oggi offerto anche con l’omologazione come mezzo d’opera per raggiungere le 49 t di MTC, rispondendo così a una specifica domanda del mercato italiano.
Infine, l’Eurocargo 4x4 presentato recentemente ad Hannover, completa con una versione professionale off-road la gamma del veicolo medio best-in-class in Italia e in Europa.

STRALIS: ARMONIA TRA VEICOLO E AUTISTA

Stralis è uno strumento di lavoro studiato per rispondere a qualunque esigenza di trasporto pesante su ruote nella gamma dalle 19 alle 44 tonnellate.
La vera innovazione di Stralis consiste principalmente nella cabina, risultato del lavoro svolto con grande determinazione insieme ai concessionari e ai clienti, che hanno contribuito alla progettazione, per migliorarne il comfort di guida e la permanenza a bordo.
La gamma Stralis è in grado di rispondere alle esigenze legate a diverse tipologie di missione. Esistono migliaia di soluzioni possibili, con un’ampia scelta di passo per una massima adattabilità del veicolo; cambi manuali, automatizzati e automatici; rapporti dell’asse posteriore selezionati per un compromesso ideale fra velocità e trazione.
La gamma comprende tre motori (da 8, 10 e 13 litri), tre cabine (Active Day, Active Time, Active Space) e tre altezze (tetto basso, tetto medio e tetto alto). Tutte le versioni Stralis si possono abbinare a diversi tipi di sospensione, comprese le sospensioni pneumatiche integrali che adattano l’altezza del veicolo in base alle missioni di distribuzione o alle esigenze del trasporto intermodale.
Stralis è stato progettato per garantire bassi costi di esercizio grazie alla riduzione dei principali fattori di costo, ovvero manutenzione e consumi. Un veicolo di gamma pesante ad alta redditività.

NOVITÀ: STRALIS AD/AT 480 CV

Questo nuovo modello nasce da una precisa richiesta di quei clienti che, pur non essendo impegnati su rotte a lungo raggio, sentono la necessità di avere una potenza più elevata che solo il motore FPT Cursor 13 poteva garantire. Quindi, pur non avendo l’esigenza dello spazio garantito dalla cabina Active Space, vogliono poter disporre dei cavalli di un propulsore di 13 litri.
L’Italia è un paese con gran parte del territorio montagnoso e collinare. Anche chi compie mission giornaliere può trovarsi spesso a superare passi alpini e appenninici che, soprattutto se si viaggia a pieno carico, possono far sentire la necessità di un motore più esuberante in termini cavalli e di coppia.
Si è sentita quindi la necessità di aumentare la flessibilità dell’offerta per quei clienti che, impegnati su rotte diurne e di breve e medio raggio, quindi senza l’esigenza di disporre dello spazio della cabina AS, avevano però la necessità di avere una riserva di potenza per i trasporti a pieno carico e su percorsi impegnativi.
La gamma AD/AT, Active Day e Active Time, rispettivamente a cabina corta e media con la variante per quest’ultima del tetto alto, era finora offerta con motorizzazioni Fiat Powertrain (FPT) Cursor 8 e FPT Cursor 10 per una potenza massima di 450 CV. Il nuovo modello ben si inserisce in questo segmento per soddisfare certe esigenze specifiche.Per il nuovo Stralis AD/AT 480 è stato allestita una particolare versione del motore FPT Cursor 13, Euro 5 con sistema SCR, dotato di turbina a geometria fissa e valvola Westgate, e questo spiega la differenza di potenza rispetto al 500 CV montato sullo Stralis AS che prevede un turbina a geometria variabile. Il nuovo motore eroga una potenza massima di 353 kW (480 CV) a 1.900 giri/min con una coppia massima di 2.200 Nm da 1.000 a 1.500 giri/min.
L’intervento dei progettisti ha portato alla sistemazione di un motore più voluminoso all’interno di un vano più stretto per la minore altezza della cabina. Una sfida che i tecnici Iveco hanno risolto brillantemente come hanno dimostrato tutti i test svolti prima dell’avvio della produzione.
Il nuovo Stralis AT/AD 480 è offerto in versione cabinato 6x2 e trattore 4x2 con le tre soluzioni di cabina citate in precedenza, la possibilità di scegliere tra il cambio automatizzato ZF Eurotronic 2 a 12 rapporti e il manuale ZF 16S2220 TD a 16 rapporti, sospensione anteriore parabolica o pneumatica e quella posteriore pneumatica.
Per il cabinato a tre assi è prevista una configurazione con l’asse posteriore sterzante, una per la distribuzione e anche una per il trasporto di casse mobili; comune a tutte la massa totale a terra di 26 t. Il trattore a due assi è invece proposto in versione standard e ribassata, quest’ultima solo con la cabina AT.

NOVITÀ: STRALIS SUPERLIGHT AD/AT 440S36-42-45T/P SL

Il peso ridotto è la caratteristica fondamentale del trattore Stralis SuperLight, che viene lanciato a fine 2008 e si propone di massimizzare il carico utile per rispondere alla domanda degli operatori che trasportano carburanti. Un’esigenza nata dalle richieste di alcune Compagnie petrolifere che hanno adottato le nuove cisterne da 43 mila litri, in sostituzione delle precedenti da 39 mila, con la conseguente necessità di ottimizzare la tara dei veicoli per rientrare nei limiti di portata totale.
Il nuovo Stralis, che è identificato dalla sigla SL, è allestito sulla base delle cabina AT/AD con una serie di accorgimenti ideati per ottimizzarlo nella distribuzione petrolifera, quindi in ambito giornaliero e sul medio raggio, e per ridurre la tara.
Lo Stralis SL è offerto di serie con cerchi di alluminio, serbatoio del gasolio di plastica da 200 litri, serbatoio di AdBlue da 40 litri, batteria da 170 Ah (anziché 220 Ah), ESP, il sistema di monitoraggio della pressione dei pneumatici (TPMS), freno di stazionamento sull’assale anteriore, fornitura sciolta del gancio di manovra, eliminazione della ruota di scorta, del relativo supporto e della scaletta di salita retrocabina.
Tutto questo contribuisce a ottenere una riduzione del peso, rendendo lo Stralis SL il veicolo più leggero della sua categoria. La tara di omologazione è di 6.150 kg nella versione a ruote gemellate e di 6.100 kg con pneumatici singoli maggiorati SuperSingle 495/45 R22,5 sull’assale motore.
Il veicolo è equipaggiato con cambio automatizzato ZF Eurotronic 2 a 12 rapporti. Per i motori si può scegliere fra FPT Cursor 8 e FPT Cursor 10, con potenze da 360 a 450 CV.

STRALIS AD320S45Y/PS 4 ASSI

Presentato in forma statica allo scorso Transpotec, lo Stralis AD320S45Y/PS a quattro assi viene commercializzato da inizio anno.
Pensato un utilizzo stradale nella distribuzione di materiale edilizio, collettame ferroso, cisterne, e per gli allestimenti con gru retro cabina, soddisfa tutte le mission che richiedono un veicolo pronto ad affrontare impegni gravosi.
Lo Stralis nella configurazione 4 assi (8x2x6) è dotato di sospensioni paraboliche anteriori e pneumatiche posteriore, il passo è di 6050 mm, MTT 32.000 kg, MTC 44.000 kg per una tara di 9.080 kg.
Il veicolo è offerto con tutte le tre cabine AD, AT e AS e con le motorizzazioni FPT Cursor 10 e FPT Cursor 13 da 420 CV a 500 CV. Anche per i cambi si può scegliere tra il manuale a 16 marce e l’automatizzato ZF Eurotronic a 12 rapporti.

TRAKKER: IL PESANTE CHE NON CONOSCE LIMITI

Trakker è pensato per ogni tipo di missione estrema fuoristrada su ruote in una gamma compresa fra le 18 e le 72 tonnellate.
La cabina del nuovo Trakker riprende il modello Stralis. Il Trakker è stato progettato per rispondere alle esigenze e alle aspettative del cliente. Una miscela perfetta di forza, resistenza e affidabilità, unite al comfort delle nuove cabine Stralis Active Day e Active Time.
La gamma Trakker è molto ampia vantando una varietà di modelli che consentono ai clienti di trovare il prodotto ideale per la propria missione specifica. L’offerta comprende due motori (FPT Cursor 8 e FPT Cursor 13) e due cabine           (AD e AT).
I cabinati sono disponibili nelle configurazioni 4x2, 4x4, 6x4, 6x6, 8x4 e 8x8, con potenze da 360 a 500 CV.
Le versioni trattore sono proposte nelle configurazioni 4x2, 4x4, 6x4 e 6x6, con potenze da 410 a 500 CV.

NOVITÀ: TRAKKER
AD/AT 400T41-45WT MEZZO D’OPERA

Anche in questo caso l’introduzione a listino del nuovo Trakker è stata una tempestiva risposta a una precisa richiesta del mercato. Si tratta infatti dell’omologazione come mezzo d’opera, quindi con 49 t di MTC, del trattore Trakker AD/AT 400T41-45WT che era già presente nell’offerta Iveco a peso legale di 44 t di MTC.
L’impiego dei trattori mezzi d’opera si va sempre più diffondendo in Italia per l’esigenza di servire, non solo le cave, ma anche i cantieri edili e le grandi opere infrastrutturali. Mission che richiedono trasferte sulla viabilità ordinaria sempre più lunghe. Sono quindi richiesti veicoli che garantiscano un’elevata portata complessiva, ma al contempo mantengano la manovrabilità e il comfort di marcia tipici dei trattori stradali.
Finora per questa tipologia di veicoli la scelta era legata al Trakker 6x4 AT/AD 720T45 oppure 50 a seconda del motore montato: si tratta del FPT Cursor 13 nella taratura da 450 o 500 CV. La richiesta del mercato vuole invece un veicolo più compatto, simile al trattore stradale, ma in grado di essere immatricolato come mezzo d’opera quando le esigenze del cliente lo richiedano, per particolari lavori in cava e nei cantiere,  ai trasporti misti su strada.
L’allestimento del nuovo Trakker AD/AT 400T41-45WT come mezzo d’opera necessita del montaggio di tutte le dotazioni obbligatorie per questa tipologia di veicoli, a cominciare dai fari rotanti gialli sul tetto cabina e dalla ralla da 3,5”.
L’offerta prevede tre soluzioni di cabina, AD/AT a cabina corta e media con la variante per quest’ultima del tetto alto, motore FPT Cursor 13 da 410 o 450 CV, cambio automatizzato ZF Eurotronic 2 a 12 rapporti in alterativa al manuale ZF 16S2220 TD a 16 rapporti.

EUROCARGO: LEADERSHIP ASSOLUTA

Presentato nella primavera di quest’anno, il nuovo Eurocargo è per i suoi clienti una garanzia di performance e di ritorno dell’investimento. Questo perché possiede alcune caratteristiche fondamentali: versatilità, mobilità, flessibilità e innovazione.
Stabile e sicuro in velocità anche in caso di manovre improvvise, è facile da guidare nei centri urbani, grazie a una cabina compatta, e ha un eccellente angolo di sterzo. Eurocargo è il veicolo medio più a suo agio in città: lo dimostra il suo ampio utilizzo nei servizi municipali. Ed è anche il più rispettoso dell’ambiente: i propulsori FPT Tector sono tra i più silenziosi sul mercato e già dal 2006 sono disponibili in versione Euro 5.
La flessibilità del medio Iveco è indiscussa. Copre le principali mission della categoria: distribuzione, trasporto merci refrigerate, edilizia e i servizi per le municipalizzate ed è anche presente in tutte le nicchie di mercato. Con il nuovo veicolo, la gamma si amplia ancora: per tutti i modelli 4x2 da 6 a 18 t di MTT Iveco propone un’offerta completa di cambi meccanici manuali, automatizzati ZF Eurotronic e automatici Allison.
Un altro punto di forza di Eurocargo è lo stile, senza dimenticare una priorità come la sicurezza. Tutte le versioni 4x2 del nuovo modello hanno freni a disco sulle quattro ruote, ora con dischi e pastiglie di dimensione maggiorata sulla gamma da 6 a 10 t di MTT. Sulla gamma oltre le 12 t sono stati introdotti i più avanzati sistemi di sicurezza: ESP e ASR.

NOVITÀ: EUROCARGO 4x4

Eurocargo 4x4 è stato progettato per missioni off-road molto impegnative, ma potrà essere utilizzato anche nell’ambito dei cantieri urbani. La sua forza è proprio la versatilità, anche se la domanda da parte di clienti, che ne faranno un impiego prevalentemente off-road sarà la più consistente. In particolare costituisce la risposta ottimale alle esigenze delle aziende pubbliche e municipalizzate per i servizi di soccorso e manutenzione in luoghi impervi e di protezione civile.
Presentato in anteprima statica ad Hannover, Eurocargo 4x4 è dotato del motore a 6 cilindri FPT Tector da 251 CV (185 kW) Euro 5, in abbinamento al cambio ZF 6S1000 con presa di forza flangiata. Il ripartitore/riduttore di coppia fornisce una trazione permanente a 4 ruote motrici agli alberi di trasmissione anteriore e posteriore attraverso il differenziale longitudinale. Il blocco del differenziale centrale e di quello sull’assale motore posteriore è standard, mentre è opzionale su quello anteriore. Tutti sono controllati da un sistema elettropneumatico che deseleziona automaticamente i blocchi del motossale quando la velocità del veicolo supera i 25 km/h.
L’offerta prevede veicoli con MTT di 11,5 e 15 t con motori FPT Tector a sei cilindri in linea da 217 a 279 CV, cambi manuali ZF 6S800, 6S1000 e 6S1005 + PTO.