Comunicati Stampa

VECTOR 2015: l’innovazione al servizio della mobilità urbana. Presentati i risultati del progetto al Fiat Industrial Village.
Due prototipi di veicoli eco-compatibili per missioni in ambito urbano, come il trasporto delle merci e i servizi urbani: è questo, in sintesi, il cuore della ricerca di VECTOR 2015, progetto cofinanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico nell’ambito del bando Industria 2015, i cui risultati sono stati presentati oggi presso il Fiat Industrial Village di Torino.
 
 
Il progetto è stato coordinato da Iveco, che ha guidato un gruppo di venti partner, tra cui il Centro Ricerche Fiat, numerose piccole e medie imprese italiane e gli Atenei di Catania e di Parma. In coerenza con quanto richiesto dal bando Industria 2015, il progetto Vector ha messo in rete una filiera di imprese innovative legate dal comune obiettivo di raggiungere l’eccellenza industriale e la crescita a livello competitivo.
 
Eco-sostenibilità ed economicità sono le caratteristiche principali dei due prototipi realizzati, ottenute grazie allo sviluppo di trazioni alternative e di altre soluzioni tecnologiche. I due dimostratori sono infatti entrambi a trazione ibrida, uno equipaggiato con un sistema ibrido Diesel-elettrico e l’altro con un sistema di trazione ibrido Diesel-idraulico. Le tecnologie di trazione ibrida hanno consentito di ridurre significativamente i consumi di carburante e le emissioni di CO2, in particolare sfruttando la possibilità di recupero dell’energia in frenata.
 

Tra le diverse innovazioni tecnologiche installate sui veicoli, un sistema di refrigerazione con ecologico a CO2 e una soluzione per l’isolamento acustico della cabina e la riduzione del rumore esterno attraverso l’impiego di materiale riciclato. Inoltre, è stato sperimentato l’uso di pannelli solari fotovoltaici installati sulla carrozzeria per migliorare il bilancio energetico del veicolo per trasporto refrigerato.
 

Il tema delle trazioni alternative è uno degli assi portanti della strategia di innovazione di Iveco, ben consapevole dell’importanza di scelte rispettose dell’ambiente, in particolare per lo sviluppo dei prodotti destinati a essere utilizzati nelle aree urbane. 
 
Altri contenuti innovativi riguardano l’ergonomia, che beneficia di un nuovo freno di stazionamento elettrico, di un inedito volante con mozzo centrale fisso, di un’architettura del veicolo ottimizzata per il contesto urbano, insieme a un sistema di filtraggio dell’aria con filtri elettro-statici e nuovi sedili con tessuti anti-macchia. 
 
Infine non è stato trascurato l’aspetto della sicurezza: i veicoli dimostratori sono stati infatti equipaggiati con sistemi di sicurezza preventiva, tra cui un sistema di Emergency Braking esteso all’ambito urbano, in grado di prevenire collisioni frontali e di un sistema monocamera di “Vulnerable Road Users” è in grado di proteggere pedoni e ciclisti durante le fasi di ripartenza del veicolo. 
 
Nel corso della giornata di presentazione dei risultati del progetto sono intervenuti tra gli altri, Agostino Ghiglia, assessore alla Ricerca e Innovazione della Regione Piemonte; Ludovica Agrò, Direttore Generale Politica Industriale e Competitività del Ministero dello Sviluppo Economico; Andrea Bianchi, Direttore Politiche Industriali di Confindustria; Vincenzo Vullo, Professore Ordinario di Costruzione di Macchine nella Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” e Technical Officer del progetto; Beatrice Lozzi, referente tecnico di “Industria 2015” per i Bandi Efficienza Energetica e Mobilità Sostenibile di Invitalia e Giuseppe Gavioli, Responsabile Innovazione per il Gruppo Fiat Industrial.