Comunicati Stampa

Iveco e Gruppo Arcese siglano un accordo strategico per la consegna di 120

​Iveco ha consegnato i primi 30 Stralis Hi-Way AS440S46 al Gruppo Arcese, multinazionale del settore trasporti, spedizioni e logistica integrata con una competenza diversificata in vari ambiti - tra cui automotive, industria cartaria, moda, chimica, tecnologia – e che dispone di 51 società, in diversi settori, per garantire un servizio capillare ed efficiente su scala mondiale.


La consegna si è svolta presso la sede operativa del Gruppo Arcese di Rovereto (Trento), alla presenza di Pierre Lahutte, Iveco Brand President, Mihai Daderlat, Iveco Business Director Italy & Mediterranean Area, di Eleuterio e Matteo Arcese, e Marco Manfredini, Responsabile della Divisione FTL del Gruppo.

I veicoli oggetto della consegna fanno parte di una più ampia fornitura di 120 veicoli, di cui 40 Stralis Hi-Way nel 2016. Nel 2017, Iveco consegnerà altri 80 Nuovi Stralis TCO2 Champion, il veicolo presentato a giugno nello stabilimento di Madrid, protagonista all’edizione 2016 del salone dei veicoli commerciali IAA di Hannover.

Pierre Lahutte ha così commentato: “Sono orgoglioso di essere qui oggi per questa consegna che conferma ancora una volta la partnership tra Arcese e Iveco. Una collaborazione ulteriormente rafforzata oggi con la sigla di un accordo che vedrà il nostro Nuovo Stralis TCO2 Champion, progettato per diminuire il costo totale di esercizio e le emissioni di CO2, protagonista della loro flotta. Con il Nuovo Stralis TCO2 Champion, Iveco varca nuove frontiere nella logistica green, a conferma del proprio ruolo di partner per un trasporto sempre più sostenibile”.

Soddisfazione condivisa da Marco Manfredini che commenta: “La nostra azienda è da sempre attenta all’evoluzione tecnologica e all’innovazione, consapevoli della necessità di implementare soluzioni sempre più sostenibili collaboriamo con partner di eccellenza. Iveco si è dimostrato un fornitore ideale con cui condividere non solo obiettivi di business ma anche valori di efficienza e salvaguardia dell’ambiente”.

I camion in primo piano nel lotto del 2016 sono equipaggiati con motore Iveco Cursor 11 Euro VI da 460 cv e dotati dell’innovativo sistema di riduzione catalitica HI-SCR. Questa tecnologia esclusiva assicura una combustione ottimale del motore grazie alla sola immissione di aria. Il controllo dell’inquinamento è totalmente garantito dal post-trattamento a valle del motore, dove non è necessario ricorrere al ricircolo dei gas di scarico (EGR). L’esclusivo sistema HI-SCR, frutto dell’esperienza tecnologica di Iveco, offre una soluzione semplice alla grande sfida rappresentata dalla riduzione delle emissioni inquinanti imposta dalla norma Euro VI: senza l’aggiunta di componenti complessi, senza inquinamento chimico del motore e dei dispositivi connessi e senza eccessive sollecitazioni termiche, che si traduce in una riduzione del peso e maggiore affidabilità.
Per i gestori di un veicolo Iveco, il bilancio economico della tecnologia HI-SCR è molto favorevole.
La riduzione del Total Cost of Ownership consente un rapido ritorno dell’investimento dei capitali investiti nella tecnologia Euro VI.

Il Gruppo Arcese, infatti, adottando questo tipo di veicoli e l’innovativa tecnologia HI-SCR di Iveco, conferma ancora una volta l’attenzione per lo sviluppo sostenibile e il proprio impegno nell’offrire un servizio eccellente nel pieno rispetto dell’ambiente in cui opera, sviluppando soluzioni di trasporto e nuovi progetti volti a ridurre l'impatto generato dall’esercizio delle proprie attività.
Grazie a Iveco Officine Brennero, concessionaria di riferimento per questa trattativa, si rinnova ulteriormente la fiducia tra Arcese e Iveco.