Le trazioni alternative

Rispetto per l’ambiente
Il Nuovo Daily, per le motorizzazioni da 2,3 litri, introduce il sistema Start & Stop, che spegne il motore quando il veicolo si arresta con il cambio in folle e lo riavvia automaticamente non appena s’innesta la marcia. La funzionalità Start & Stop consente di ottenere una riduzione di emissioni di CO2 di 9 g/km su ciclo combinato che salgono a 23 g/km su ciclo urbano.

A supporto del conducente è stato introdotto anche il sistema GSI (Gear Shift Indicator) che suggerisce la selezione corretta della marcia da inserire al fine di ottenere uno stile di guida con il minor consumo di carburante e con le minori emissioni di CO2. Il nuovo turbocompressore a geometria variabile della versione 2,3 litri e il nuovo Twin Turbo ad alta efficienza della versione 3 litri, insieme al ridisegnato sistema di raffreddamento, consentono di raggiungere la massima efficienza garantendo in tal modo le migliori prestazioni e la riduzione delle emissioni di sostanze inquinanti.
La tutela dell’ambiente è una delle priorità strategiche di Iveco. Il carattere ecologico del Nuovo Daily, infatti, non si ferma soltanto alle riduzioni di consumi e di emissioni di CO2, ma riguarda anche la produzione del veicolo. L’impegno per ridurre sino in fondo l’impatto ambientale dei mezzi Iveco è testimoniato dal progetto World Class Manufacturing, introdotto da alcuni anni nel sistema produttivo del Gruppo Fiat Industrial, che ha scelto di adottare uno dei migliori standard di produzione a livello mondiale. Un modello integrato che riguarda l’organizzazione della fabbrica nel suo complesso e che pone particolare attenzione alla gestione degli aspetti ambientali con l’eliminazione degli sprechi produttivi.
Altro aspetto importante legato all’impatto ambientale dei mezzi Iveco è la posizione di leadership dell’azienda per quel che riguarda la riciclabilità del prodotto. Iveco, infatti, ricopre da tempo un ruolo guida per tutta la catena industriale coinvolta nelle attività di riciclaggio e recupero dei materiali che compongono il veicolo, una volta che questo arriva alla fine della propria vita.
Le trazioni alternative del Nuovo Daily
Consapevole dell'importanza del tema della tutela ambientale, Iveco dedica da sempre un’attenzione particolare alle motorizzazioni innovative, che assicurano un considerevole risparmio nei consumi e nelle emissioni di CO2 oltre a garantire i più elevati standard in materia di riduzione delle emissioni inquinanti.

L’innovazione tecnologica al servizio del cliente è testimoniata nel Nuovo Daily anche dall’offerta di versioni alimentate a gas naturale e a trazione elettrica o ibrida; una proposta, quest’ultima, anche se non ancora a listino, ormai ampiamente collaudata attraverso numerosi field test condotti da importanti clienti internazionali in condizioni di esercizio reali.

Il Nuovo Daily elettrico

Antesignana in questa tecnologia, Iveco ha sviluppato e realizzato il primo Daily a propulsione elettrica nel 1986; successivamente, la gamma è stata ampliata includendo furgoni e autobus urbani. Oggi, i sistemi elettronici ad alta potenza, uniti alla rete CAN e alle batterie Sodio Cloruro di Nichel, consentono al Nuovo Daily elettrico di garantire alti livelli di affidabilità e di adattarsi perfettamente alle più comuni missioni in ambito urbano, come la distribuzione porta a porta e il trasporto urbano di persone. Il  veicolo a propulsione elettrica a zero emissioni allo scarico è progettato, costruito, commercializzato ed assistito integralmente da Iveco. Un sistema di accumulo ad alta energia  specifica di tipo plug-in alimenta, attraverso un inverter, un motore elettrico di tipo asincrono trifase, che  ha il compito di muovere direttamente il veicolo e di recuperare energia durante la fase di frenata. È disponibile nelle versioni 35S (furgone e cabinato) con una motorizzazione da 30 kW nominali (60 kW di picco) e 50C (furgone e cabinato), equipaggiato con una motorizzazione da 40 kW nominali (80 kW di picco).

Con batterie di trazione sigillate con tecnologia Na/NiCl2 (Sodio Nichel Cloro) - che non producono emissioni gassose, non richiedono manutenzione e sono totalmente riciclabili - e tensione nominale di 278 Volt, il veicolo è dotato, a seconda delle versioni e dell’autonomia richiesta, di due, tre o quattro batterie (solo versione 50 C), con un sistema di frenata rigenerativo che consente di aumentarne l’autonomia. La velocità massima è limitata elettronicamente a 70 km/h, mentre l’autonomia varia da 90 a 130 km, in base al numero di batterie e alla missione.

Il Nuovo Daily Natural Power

Iveco attribuisce da sempre grande importanza alle motorizzazioni a gas naturale, che da anni rappresentano una priorità nelle sue attività di ricerca e sviluppo. L’azienda è leader europeo nella realizzazione e nella commercializzazione di questi veicoli: autocarri, furgoni e autobus destinati a diversi tipi di missione e, in particolare, all’utilizzo urbano.

Il Nuovo Daily Natural Power è il veicolo più leggero all’interno di questa gamma articolata e completa ed è equipaggiato con il motore F1 CNG da 136 CV di FPT Industrial con catalizzatore a tre vie, che utilizza il sistema di combustione stechiometrica (con rapporto aria-combustibile chimicamente corretto), che presenta elevate caratteristiche di affidabilità e durata e assicura emissioni di gas di scarico ben al di sotto dei limiti richiesti dalle normative europee EEV in vigore. Questo sistema, permette di rilevare la composizione del gas utilizzato e di adattare conseguentemente il funzionamento del motore, in modo da mantenere un basso livello di emissioni, senza sacrificarne le prestazioni.

L’accensione comandata rende le emissioni acustiche inferiori a quelle di un motore Diesel equivalente, tanto che questi veicoli sono particolarmente idonei all’uso notturno nei centri urbani, senza richiedere ulteriori misure di isolamento acustico.

Il Nuovo Daily, come tutti gli altri veicoli Iveco alimentati a gas naturale, può inoltre già utilizzare il bio-metano, una delle fonti di energia rinnovabile con le migliori credenziali in termini di riduzione dei gas ad effetto serra.