Iveco a Transpotec, in esposizione la gamma completa: dai pesanti ai medi, ai veicoli off-road

​Anche il resto di gamma è esposto a Transpotec: al centro della scena espositiva è presente lo Stralis, mezzo della gamma pesante, nella versione Diesel e in quella alimentata a gas naturale liquefatto (LNG). Il protagonista del trasporto su strada della gamma pesante è affiancato dal Trakker, il veicolo cava-cantiere della gamma off-road. La gamma media è infine rappresentata da un Eurocargo.

A rappresentare la gamma pesante stradale, è lo Stralis, l'ultima generazione di veicoli della gamma heavy-duty, una proposta estremamente competitiva per il settore del trasporto dei mezzi pesanti, che si distingue per efficienza, qualità e valore per il cliente.

Come risposta alle esigenze di mobilità sostenibile, Iveco presenta Stralis Natural Power Euro VI alimentato a gas naturale, immagazzinato allo stato liquido (LNG), veicolo che permette un’autonomia di oltre 750 chilometri. Il trattore AT440S33T/P LNG, esposto sullo stand nella configurazione standard, è equipaggiato con 4 serbatoi CNG da 70 litri e un serbatoio criogenico LNG da 510 litri. Il gas naturale è immagazzinato allo stato liquido alla temperatura di -130°C e alla pressione di 10 bar e, prima di essere iniettato nel motore, viene convertito allo stato gassoso. I vantaggi dell’utilizzo di questo tipo di veicoli sono molteplici, sia dal punto di vista della sostenibilità ambientale sia da un punto di vista della profittabilità per i clienti. Sotto il profilo delle emissioni, infatti, i motori a gas naturale sono molto più ecologici dei Diesel Euro VI. Il gas naturale è un combustibile decisamente pulito grazie a emissioni ridotte al minimo (-95% di particolato e -35% di NOx rispetto al Diesel Euro VI). Inoltre, la riduzione del rumore in media di 5 decibel rispetto alle versioni Diesel lo rendono il veicolo ideale per operare in città, in particolare nelle ore notturne. Da un punto di vista della sostenibilità economica, il risparmio complessivo del costo totale di esercizio del veicolo (TCO - Total Cost of Ownership), è oltre circa il 10%. Il gas naturale ha infatti un costo decisamente inferiore rispetto al Diesel, che consente una sensibile riduzione del costo del combustibile, la voce più importante del TCO.

Per la gamma media, Iveco espone un Eurocargo Euro VI, veicolo da sempre leader in Europa e protagonista di numerosi successi, grazie alle proprie caratteristiche di affidabilità e flessibilità che ne hanno fatto un mezzo polivalente, adatto a ogni tipo di missione. Il “medio” più apprezzato in Europa, vera e propria icona nel segmento per la sua versatilità, combina il top dell’innovazione con prestazioni superiori e consumi ottimizzati, grazie all’esclusiva tecnologia HI-SCR.

Questo innovativo sistema di post-trattamento riduce le emissioni di ossidi di azoto (NOx) di oltre il 95%, non altera il processo di combustione, non richiede un sistema EGR con conseguenti necessità di raffreddamento ausiliari, che comporterebbero un’architettura veicolo più complessa e quindi maggiori pesi e costi. Le motorizzazioni Tector 5 e Tector 7 Euro VI, di cui Eurocargo Euro VI è dotato, sono le uniche in questo segmento con tecnologia HI-SCR e si posizionano al vertice della loro categoria, fornendo prestazioni elevate e affidabilità. Dal punto di vista del costo di gestione del veicolo, vero e proprio “focus” di Iveco nella progettazione di Eurocargo Euro VI, nelle missioni miste tipiche di un veicolo medio, con un’alternanza di tratti urbani, interurbani e autostradali, l’efficienza del sistema HI-SCR consente di mantenere almeno invariato il consumo equivalente (gasolio +Urea) rispetto a un veicolo Euro V. Il sistema tecnologico HI-SCR permette di ottenere migliori prestazioni nelle missioni interurbane, con riduzioni dei consumi dell’ordine del 2%. Sullo stand è esposto il modello ML160E28K, a cabina corta, versione ribaltabile, con una configurazione di assi 4x2, equipaggiato con motore Tector 7 EuroVI. La configurazione del veicolo è volutamente essenziale perché il veicolo è destinato a una mission prettamente dedicata al settore edilizio. I plus di prodotto sono relativi alla robustezza del telaio, alle sospensioni meccaniche e alla capacità di adattarsi a tutte le tipologie di terreno.

Infine, a completare l’esposizione, Iveco presenta il Trakker, il veicolo della gamma off-road, adatto a missioni in cava-cantiere. Il mezzo è in grado di operare su terreni impervi e sconnessi, offrendo la garanzia dei motori Cursor, che assicurano potenza e resistenza. La sua principale caratteristica è la robustezza: ogni singolo componente, a partire dal telaio in acciaio ad alto limite di snervamento, garantisce performance che durano nel tempo.

Il Trakker è considerato “Best in class” per il suo impiego quotidiano ma anche per prove più impegnative, ed è stato progettato per lavorare in tutte le condizioni climatiche e su tutti i tipi di terreno, dalle strade in terra battuta al fuoristrada estremo, con il massimo comfort, sicurezza e produttività. Il veicolo esposto a Transpotec è un modello AD410T50, con una configurazione assi 8X4X4 cabinato, equipaggiato con motore Cursor 13 Euro VI, 500 cv.

Della gamma off-road Iveco presenta inoltre, in un’area esterna, il Trakker Dakar, veicolo ricco di fascino e capace di suscitare forti emozioni, brandizzato con i colori che hanno contraddistinto la partecipazione di Iveco alla Dakar 2015.

L’esposizione di Iveco prosegue anche in un’area esterna con alcuni veicoli della gamma leggera e pesante dotati di allestimenti speciali, oltre a un veicolo Astra HD9, ideale per missioni gravose in cava-cantiere.

I veicoli Astra HD9 sono particolarmente robusti e adatti a condizioni e ambienti di lavoro estremi. La semplicità di allestimento e di manutenzione, assieme a un’elevata capacità di carico, versatilità e possibilità di personalizzazione, sono i fattori di successo di questa gamma di prodotti, sviluppata specificatamente per applicazioni heavy-duty in cava-cantiere, miniera, oil&gas.

Dal robusto telaio, alla performante catena cinematica, alla semplice architettura elettronica, ogni componente e ogni dettaglio è stato progettato per far fronte agli impieghi più sfidanti in termini di terreno, carico e condizioni climatiche, pur garantendo ergonomia e comfort di guida. Il modello esposto nell’area esterna è un mezzo Astra HD9, 6x4 a telaio con motore Cursor 13 Euro VI, la cui potenza massima è pari a 368 KW (500HP) @ 1900 U/min.